mercoledì 18 marzo 2009

La maledizione sull'Africa


Buongiorno Sig. Ratzinger,

mi rivolgo a lei in tono formale rifiutando però di utilizzare appellativi quali, Santo Padre o Papa in quanto non sono credente.
Ho letto sui giornali, e ho visto sulle TV il suo intervento sull'aereo diretto alla visita in Africa. Sono rimasto allibito dalle sue parole, dettate da una bieca credenza religiosa priva di ogni anche minimo fondamento scientifico.

Si rende conto che lei, con le sue dichiarazioni, ha mandato a morte milioni di persone in pochi secondi?

Quanti seguendo ciò che ha detto, non utilizzeranno il preservativo e aumenteranno a dismisura il numero di contagiati?
Quante madri l'ascolteranno e moriranno tra atroci sofferenze, non potendosi pagare le cure, e lasceranno figli orfani senza cibo?
Quanti bambini figli di madri attente alle sue parole, nasceranno malati e quindi condannati a morte certa?

Signor Ratzinger si è fatto queste domande pima di parlare? Prima di pronunciare le sue sentenze di morte, prima di maledire il popolo africano.

Le parole pronunciate da lei hanno un peso immensamente superiore, putroppo, rispetto a ciò che può dire un comune cittadino, come me o altri, ma questo non è solo un potere è anche una responsabilità. Il seguito di persone che credono, ahime, in lei è anch'esso immenso, milioni di individui. Questo si accompagna ad una pesante responsabilità: lei con queste sue parole, in un paese con le percentuali di malati di AIDS come l'Africa, ha portato al patibolo queste persone, gli ha uccisi tra le atroci sofferenze che forse lei auspica, per fargli guadagnare il paradiso dell'altro mondo, ma a loro e a noi questo paradiso poco importa.
Lei gli ha solo e semplicemente uccisi, massacrati, con un'intervista su un costoso aeroplano trasformato per l'occasione in angelo della morte.




4 commenti:

pollonika ha detto...

Tienes razon, Davide...
Quando l'ho sentito per radio, questa mattina, quasi non ci credevo.
Da Repubblica, Ratzinger ha dichairato, sull'Aids, che "è una tragedia che non si può superare solo con i soldi, non si può superare con la distribuzione di preservativi, che anzi aumentano i problemi". Serve invece, ha proseguito, un comportamento umano morale e corretto e una grande attenzione verso i malati: "soffrire con i sofferenti"."

Ma come si può essere così crudeli... E farlo in nome di Dio????

Anonimo ha detto...

Questo non perde occasione per star zitto . Ignazio

Antenor ha detto...

Finché fosse solo un problema di opinioni sulla teologia chi se ne frega, ma il problema che con le sue parole uccide letteralmente un numero immenso di persone che senza cultura gli daranno retta e moriranno.

Anonimo ha detto...

giovedì 19 marzo 2009
Abbandonare la nave!

La crisi non ferma il processo di globalizzazione attraverso l’immigrazione.
E più si va avanti più i pretesti per giustificare l’ingresso forsennato di stranieri diventano comici e paradossali.
In America compaiono “ricerche” le quali intenderebbero dimostrare che gli USA trarrebbero giovamento dall’importazione di “migranti scolarizzati” e “specializzati” (1).
Quindi avete capito.
Per anni ci hanno rotto le scatole, anche in Europa, con la favoletta che c’era bisogno di immigrati per fare i lavori che gli europei non volevano fare perché tutti “dottori”.
Ora ci raccontano che, a dispetto, anzi a causa, della crisi occupazionale che colpisce anche i “colletti bianchi”, bisogna importare stranieri “specializzati” e laureati!
Non è “diabolico”?

Ma se negli Stati Uniti sono proprio gli americani bianchi (gli WASP), laureati con assicurazione sanitaria e master nelle migliori università, che stanno perdendo il posto di lavoro a frotte. In particolare nell’importantissimo settore della scuola pubblica (2).
Contrariamente a quanto da sempre annunciato da Obama che invece ha subito inviato senza esitazione 30mila altri soldati in Afganistan a farsi ammazzare senza un buon motivo. E in peggio, rispetto all’epoca Bush, saranno gli europei sempre più impegnati (e a rischio) in quella cruda guerra per la droga (3).
Il Terzo Anticristo in campagna elettorale annunciò che avrebbe ritirato le truppe completamente dall’Irak entro 6 mesi dalla sua elezione. Poi cambiò la tempistica in 16 mesi. Non 12, 18 o 24 mesi, così alcuni avrebbero pensato di avere capito male. Che lui aveva sin dall’inizio detto “16” mesi anziché “6”.
Adesso si vocifera di 23 mesi per la smobilitazione (numero che deve avere un qualche significato cabalistico), tra qualche mese l’Unità, Repubblica, il Manifesto annunceranno trionfalmente che il ritiro “è stato completato come promesso” ma che “su richiesta del popolo irakeno” 50mila (!) uomini rimarranno laggiù a “garantire la pace e la democrazia” dai “terroristi”.
Si tratta di un gioco delle parti.
Ricapitolando, Obama sta incrementando l’immigrazione ed i relativi costi sociali, sta tagliando alla scuola pubblica MA contemporaneamente incrementando le spese militari, per l’Afghanistan. Quindi ingrosserà le tasse per il già disgraziato ceto medio a stelle estriscie, delle quali proventi sono serviti a salvare le banche dei super ricchi e i relativi “bonus”.
Non vi ricorda qualcosa di simile che avviene in una certa Repubblica delle Banane di Pizzaland?

Perché da noi il mare di soldi dei CONTRIBUENTI dove stanno finedo?
Ai disoccupati dilaganti? Alle strutture sanitarie sempre più insufficienti?
A ristrutturare gli edifici scolastici “sgarrupati”?
No, i denari pubblici finiscono alle solite banche e immigrati, cioè al progetto del NWO.

In italia a fronte della crisi lo stato sta per riformare gli “ammortizzatori” e varare un “piano casa”, entrambi provvedimenti “bipartisan” che saranno SOSTANZIALMENTE a vantaggio dei soli cittadini stranieri.
La riforma del “welfare”, non lo dicono ma sarà così, tenderà a togliere la “cassa integrazione” ai veri lavoratori nelle vere fabbriche per dare un sussidio a dei sedicenti “disoccupati e precari”. Vedrete che per la nuova assistenza metteranno come requisito anziché il fatto di AVERE UN LAVORO (come per l'attuale “cassa”), il fatto di non avere “reddito”. Così il 90% dei nuovi assegni di disoccupazione, almeno al Nord sarà a pannaggio degli immigrati.

Succederà esattamente come avviene per la sanità in cui UN NUMERO CRESCENTI DI STRANIERI viene fatto entrare, nei più diversi modi, sul territorio della penisola APPOSITAMENTE per essere curato gratuitamente dal SSN.
Quindi spunteranno come funghi aziende, cooperative, imprese commerciali farlocche, gestite da centri sociali, organizzazioni “umanitarie” e sindacati, il cui unico scopo sarà di dare un lavoro “regolare” ad immigrati ricongiunti per lo scopo, salvo dopo qualche mese licenziarli facendo ottenere ai fortunati un assegno di disoccupazione acui avranno senz’altro diritto per il reddito “basso”.
Mentre ai cittadini italiani che perderanno il lavoro basterà essere intestatari della casa di abitazione per essere giudicati inoppugnabilmente “ricchi”, non meritevoli di assegno di disoccupazione. Avverrà in tal modo anche per la “lotta ai falsi invalidi”: che in Padania toglieranno l’assegno di invalidità anche ai VERI INVALIDI col pretesto del reddito “alto” mentre verso le zone equatoriali le FALSE PENSIONI di invalidità verranno trasformate in sussidi vari, esempio “reddito d’ingresso”, come giù fece il governo Prodi una decina di anni fa.
E i sindacati di cosa si preoccupano?
Delle lungaggini burocratiche per i ricongiungimenti famigliari DEGLI IMMIGRATI e delle pastoie amministrative per l’assunzione in regola DEGLI IMMIGRATI.
Di voi che state perdendo anche il posto temporaneo, e pure siete iscritti al sindacato, alla Triplice frega nulla. Se avete trovato da lavorare lontano da casa, per il vostro di “ricongiungimento famigliare” vi dovete arrangiare.

L’IMMIGRAZIOENE (sregolata e inventivata) E’ LA PRINCIPALE CAUSA DI IMPOVERIMENTO DEI CITTADINI, poiché, inispecie in questo momento economicamente critico, le masse immigrate, povere e bisognose, sono la ZAVORRA per la sicurezza sociale rappresentata da sanità, scuola, e alloggi pubblici oltre agli ammortizzatori.
In Francia la disoccupazione sta arrivando al 10%, al 20% tra gli immigrati regolari. Da noi, come il sottoscritto ha più volte fatto notare, non esistono statistiche sulla occupazione/disoccupazione dei “migranti” regolari (così come non esistono dati sulla ricchezza media dichiarata da costoro).
Il motivo naturalmente è il solito: che altrimenti cadrebbe il favolgeggiato castello di carte mediatico secondo il quale l’immigrazione sarebbe una ”risorsa”.
Se passasse il progetto di assegno di disoccupazione diffuso a tutti probabilmente almeno un paio di milioni di stranieri risulterebbe averne diritto affossando definitivamente l’esiguo stato assistenziale già in bilico a causa dell’assistenzialismo al Sud e a Roma capitale.

E anche il “piano casa” di Berlusconi è stato concepito per incistare la malavita immigrata nelle città della Padania. Ormai in molti comuni le assegnazioni di case poolari sono quasi esclusivamente riservate agli stranieri. Anche in questo caso, ancora, assiteremo al boom dei “ricongiungimenti” in modo da abbassare il reddito famigliare e ottenere maggior punteggio nella graduatoria stilata per l’assegnazione degli alloggi. Il “piano casa” del governo Fanfani, degli ani 50 e 60, servì UNICAMENTE a radicare la mafia, la camorra e la ndrangheta alla periferia di Milano e Torino salvo poi fare scrivere ai giornali che “la Mafia c’è anche al Nord”.
Se qualcuno proverà a chiedere dei “paletti” per limitare le assegnazioni agli stranieri ci sarà subito qualche magistrato ad annullare il tutto perché “discriminatorio” e “incostituzionale”.
Voi che siete in affitto, o che lottate quotidianamente per rispariamre i soldi che vi servonoper pagare la rata mensile del mutuo, capiate che pagherete ancora più tasse per il “diritto” di MILIONI di bengalesi, cingalesi, albanesi, marocchini, indiani e quant’altro che arriveranno giusto in tempo per entrare in possesso della loro nuova casa!
La grancassa mediatica contro i romeni serve UNICAMENTE a creare un clima di terrore in modo da costringere la gente a stare in casa a guardare la televisione che è il mezzo di indottrinamento di massa.
A seguire programmi che ostentano musulmani, negri, viados brasiliani, gay immigrati perfettamente “integrati” a raccontare dei loro lauti pasti in ristoranti alla moda, delle frequenti loro uscite al cinema e vacanze assortite, tutto cose che voi, PER MANTENERE LORO non vi potete permettere!
I romeni vengono presi di mira semplicemente per il fatto che, essendo “comunitari” npn potraano mai essere espulsi, neanche formalmente. Avete notato che di ESPULSIONI degli irregolari neanche più si parla?

L’obiettivo della pianificazione centralista è ovviamente di cancellare le differenze etniche tra meridionali e padani ottenendo un popolo italiano posticcio, un coacervo di spiantati meticci senza arte ne parte, privo di Santi ed Eroi ma blandamente abbarbicato ad un lurido simulacro tricolore.
Avrete osservato, in televisione i settentrionali vengono fatti apparire, mediante artifici tecnici e giochi di luce, come avessero la pelle più scura dei magrebini o dei meridionali. Se avete un televisore che produce un’immagine piuttosto “contrastata” questo lo notate immediatamente, fateci caso.
Così come avrete fatto caso che stanno deliberatamente riempiendo Milano con immigranti terzomondiali dalla pelle scura mentre nel Lazio e in Campania attirano i esteuropei dalla pelle chiara.
I conduttori, immancabilmente romani o meridionali, dei programmi trasmessi da Roma appaiano tutti dalla pelle chiarissima come fossero scandinavi. Alla medesima stregua le attricette-troiette, le giornaliste dei telegiornali Mediaset e Rai, che parlano con quell’odioso accento romanesco (che cercano di istituire come “italiano standard”!), sembrano tutte sorelle esibendo il medesimo nasino all’insù!

Lo scopo di Berlusconi, del suo successore “kippataro” , di Prodi e di ogni altro governo precedente non è di risolvere alcunché ma semplicemente di fare entrare più neoitaliani possibile, per poi con il diritto di voto mettere in minoranza la Lega anche in Settentrione e salvare l’unbità “nazionale”.
Perciò se siete lavoratori dipendenti del settore privato non aspettatevi nulla dallo stato italiano sicchè esso è il VOSTRO VERO NEMICO.
Ecco l’italianissima Alessandra Mussolini che difende a spada tratta i clandestini, vi da solo la prova più plateale del finto antagonismo partitico (4). La nipote del Duce chiede addirittura l’obbligo di iscrizione all’anagrafe dei figli dei clandestini che così diventeranno automaticamente italiani un attimo dopo essere stati, allo scopo, catapultati a carico di Pantalone. E un secondo dopo, giocoforza, dovrebbero regolarizzare genitori o un qualche parente. Neanche Rifondazione Comunista probabilmente si spingerebbe a tanto.
Questa patetica “signora”, “vate dell’italianità” in verità arpia del gloalismo, intende strumentalizzare i bambini per rinvenire un’ulteriore scappatoia per l’ingresso libero.
Non avete bisogno di altra prova per aderire a ciò che il sottoscritto scrive.

A voi invece NON daranno alcun sussidio (“non avete i requisiti di reddito”), vi abbasseranno la pensione anche se avete sempre pagato i contributi (“per solidarietà verso i più deboli”), liste di attesa sempre più lunghe negli ospedali, per le case di riposo e asili nido (“è colpa di Formigoni!”), vi faranno pagare l’acqua più della benzina (“ci vuole efficienza nei servizi!”) mentre gli extracomunitari nelle case popolari possono e potranno sperperare e sprecare luce, gas e acqua tanto loro non sono obbligati a pagare le bollette non potendo essere cacciati dall’immobile, meno che mai essere espulsi.
Se voi, in un momento di disperazione, ruberete un etto di prosciutto preconfezionato al supermarket, causa digiuno prolungato per mancanza di soldi, rischierete la galera, mentre per i MILIARDI di euro rubati complessivamente tra comune di ROMA, Catania, Napoli, Taranto e molti altri al Sud, non solo nessuno andrà in galera ma i deficit prontamente ripianati dallo stato con i VOSTRI SOLDI.
E per finanziare i sempre maggiori costi dell’assitensialismo nelle sue diverse orrende facce, tenuto conto che bisogna rispettare i parametri europei di bilancio, LA PRESSIONE FISCALE INCREMENTERA’ SENZA SOSTA, mascherata da balzelli “locali” o contributi di “solidarietà”, da “ticket” o incrementi delle bollette dei servizi specie in quota fissa (canoni, IVA ecc.).

Ciò che dovete intendere, che è necessario PER SALVARE LA VOSTRA FAMIGLIA abbandonare la nave italia prima che vi trascini con essa a fondo.
Alla Casta politica-giudiziaria-sindacale mafiosa dei “mussolini” non frega niente del popolo, essa desidera solo mantenere l’unità d’italia a garanzia dei PROPRI metastatici privilegi.
Provate a versare meno tasse possibili, escogitando ogni trucco e stratagemma pensabile e impensabile. La vostra personale scialuppa di salvataggio la dovrete costruire di sana pianta usando la vostra intelligenza, le vostre lacrime e sangue, null’altro.
Non aspettatevi aiuto alcuno, in particolare dallo stato razzista, sarebbe una speranza del tutto vana.

F. Maurizio Blondet

1 ) http://blogs.reuters.com/great-debate/2009/03/12/jump-start-us-growth-through-immigration/
2 ) http://www.reuters.com/article/domesticNews/idUSTRE52B72E20090312
3 )
http://www.reuters.com/article/worldNews/idUSTRE52H1XW20090318
4 ) http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE52H0M120090318

http://falsoblondet.blogspot.com/